Cos’è l’Insurtech e quali sono le sue possibilità

Indice

Key Takeways

La rivoluzione dei processi aziendali e dei prodotti/servizi offerti indotto dal progresso tecnologico è giunto a uno stadio tale da non poter essere più arrestato. Nessun ambito/settore può tirarsi indietro dall’uso di dati, canali social e applicativi digitali, neanche ambienti altamente reazionari, per tradizione, come il mondo finanziario. Questo movimento di rivoluzione e per certi versi di

 

democratizzazione dell’accesso e dell’offerta dei servizi finanziari prende il nome di Fintech (crasi della parola Finance e della parola Technology).

Cosa significa Insurtech

Dalla necessità di offrire servizi sempre più performanti, economici e che tengano conto effettivamente della componente di rischio potenziale del cliente – così da ottimizzare l’attività di pricing – è stato reso necessario un uso massivo di servizi informatici, delle query di dati e della tecnologia in senso lato, che non ha lasciato indietro neanche il mercato assicurativo. Parliamo quindi di Insurtech (crasi della parola Insurace e della parola Technology): qualsiasi innovazione in campo assicurativo, anche la più banale, ad esempio, la scatola nera che spesso le compagnie assicurative propongono di installare sugli autoveicoli per offrire uno sconto sulla polizza RC Auto (tale strumento permette un monitoraggio costante del comportamento dell’automobilista, ad esempio velocità, luoghi frequentati, così da meglio configurare il prezzo per caso furto o incidente stradale).

Traditional insurance vs P2P insurance

Ma prima di addentrarci nel mondo Insurtech, facciamo un passo indietro: come funziona il mercato Assicurativo tradizionale e da cosa si discosta il mondo Insurtech?

I servizi assicurativi, e di conseguenza le compagnie assicurative, sono tra i prodotti finanziari più antichi esistenti. Si pensi semplicemente al fatto che il primo contratto assicurativo è risalente al 1189 allorquando era necessario assicurare il commercio marittimo. Ed è stato proprio lo sviluppo delle assicurazioni che garantivano l’esito delle spedizioni commerciali che hanno reso grandi paesi a vocazioni commerciale come Genova, Venezia o la stessa Inghilterra. L’assicurazione, quindi, solleva dal rischio di incorrere in evento sfavorevole (retro-pagamento di un premio per il rischio sostenuto) offrendo una protezione finanziaria (un rimborso in denaro o una prestazione professionale) al verificarsi dell’evento sfavorevole per il quale si è coperti. Per rendere profittevole questo business la società assicurativa mette insieme soggetti che abbiano una componente di rischio (rischio atteso) differente e che quindi l’evento che comporta il rimborso per un soggetto sia compensato dal non verificarsi dello stesso evento per tutti gli altri assicurati. Questo porta inevitabilmente al fatto che i clienti pagano un premio ben più alto rispetto al loro reale rischio per compensare le perdite derivanti dagli altri assicurati. Questo è uno dei motivi per cui si apre uno spazio per l’ingresso nel mercato di nuovi player.

Tecnologia

Le startup e le soluzioni Insurtech di fatto con l’uso di tecnologie quali Big Data, Artificial Intelligence, algoritmi di Machine Learning e API, riescono a intercettare quelle aree di business che vengono ritenute meno interessanti per i big player, riuscendo a offrire prodotti/servizi tailor-made in grado di sfruttare i dati ottenuti da devices o dai social network riuscendo a offrire un prezzo del premio assicurativo in grado di tenere conto della reale componente di rischio osservato.

Due delle tecnologie su tutte stanno rivoluzionando il mercato: il Peer-to-Peer (P2P) Insurance e la Blockchain.

Tradizionalmente, la compagnia assicurativa costruisce dei portafogli di clienti che abbiano caratteristiche simili (informandosi ad esempio, su stato di salute, hobbies, reddito, ecc.) e offrendo loro un prezzo per le polizze che sia in linea con il Rischio atteso da tutti i soggetti messi nel portafoglio (così da perequare i rischi diversi dei diversi soggetti in un rischio complessivo in linea con la policy di assunzione dei rischi definita dalla policy aziendale). Questa strategia comporta l’assunzione di evidenti problemi di azzardo morale sia dal lato dell’assicuratore che da quello dell’assicurato. Non da meno, al termine del periodo di copertura, i premi versati ma non utilizzati normalmente non vengono rimborsati ai sottoscrittori delle assicurazioni. Con il metodo del P2P Insurance, la smart insurance costruisce il portafoglio di clienti in modo tale da avere un gruppo di soggetti con caratteristiche simili e rende noto quali sono tutti i soggetti che sottoscrivono l’assicurazione (talvolta rendendo noto anche la quota di partecipazione di ogni singolo cliente). In questo modo si previene la possibilità di incorrere nell’azzardo morale del singolo sottoscrittore nei confronti del gruppo. I fondi normalmente vengono adoperati per l’acquisto di prodotti di riassicurazione al fine di prevenire l’eccesso di richieste di rimborso potenziale. Al termine del periodo di copertura i premi versati vengono rimessi ai sottoscrittori (dedotte le commissioni di sottoscrizione e gestione del fondo che costituiscono i proventi per la compagnia assicurativa). Esistono diverse tipologie di assicurazioni P2P: alcuni coprono solo i sinistri connessi al mondo auto, altri le spese mediche per l’insorgenza di patologie varie o ancora si distinguono altri che permettono la sottoscrizione utilizzando cripto-valute.

Uno sguardo al futuro

La tecnologia Blockchain e della distributed ledger è una delle tecnologie più controverse e innovative che sta cambiando completamente il paradigma delle operazioni finanziarie. Nell’ambito Insurtech la sua adozione permetterà la possibilità di ridurre costi e offrire prodotti assicurativi smart senza alcuna necessità di intermediazioni. Un esempio concreto in Italia è stato condotto da Reply, Allianz, AXA, Generali e altre compagnie nell’offrire prodotti assicurativi – definiti smart contract – connessi al caso voli (evento meteorologico, ritardo aereo, smarrimento bagaglio). Tali contratti sono caratterizzati da una maggiore trasparenza (perché il cliente sa immediatamente quanto è l’importo del rimborso al verificarsi dell’evento), velocità di stipula e automatizzazione del rimborso.

Il fenomeno della Fintech e dell’Insurtech è in forte ascesa e già conta nel mondo un volume d’affari per circa di 47,3 miliardi di dollari (fonte Osservatorio del Politecnico di Milano). In questo mondo fanno da padrone Stati Uniti e Cina (con un giro d’affari rispettivamente di 13.9 e 13.4 miliardi di dollari). Segue l’Inghilterra con 5.1 miliardi. L’Italia alla data attuale conta circa 326 startup per un volume di affari di poco superiore ai 650 milioni di dollari.

Indice

Condividi questo articolo
LinkedIn
Articoli simili

Buy Now Pay Later (BNPL)

Buy Now Pay Later (BNPL), sta rivoluzionando l’esperienza di acquisto e di vendita per milioni di persone nel mondo. Come impatto viene considerata alla stregua delle carte di credito negli anni ‘70 e sta permettendo una democratizzazione dell’accesso al credito come mai prima d’ora. Questo sistema di pagamento permette al consumatore di dividere il pagamento del carrello in 3-4 pagamenti mensili senza interessi, creando una situazione win-win con il venditore che può intercettare opportunità di vendita, accrescendo l’importo del checkout. Al tempo stesso il cliente riuscirebbe a soddisfare bisogni che senza questa modalità di pagamento non sarebbero fattibili. Secondo un

Continua a leggere...

Digital Wealth Management

Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di gestione individuale del risparmio, il c.d. Wealth Management. Ma cosa succede quando il Wealth Management incontra l’industria Fintech?  Cosa si intende con il termine “Digital Wealth Management”? Facendo qualche passo indietro, con Wealth Management si indicano tutti i servizi professionali di gestione del patrimonio dedicati a clienti con un determinato patrimonio finanziario, definiti High net worth individuals (HNWI). Il Wealth Management nell’era del FinTech L’industria del Wealth Management, il mercato più “human intensive” per definizione, sta attraversando una fase di grandi e profondi cambiamenti che impongono a tutti gli operatori un ripensamento

Continua a leggere...

Settore FinTech

Il futuro della finanza ha un DNA digital. Lo si può notare analizzando il cambiamento che sta avvenendo nel mondo dei servizi bancari, finanziari e assicurativi. Le tecnologie digitali sono diventate una sinergia perfetta con la finanza, tant’è che è impossibile non parlare del Fintech. Questo è un mondo che non si limita al solo ambito bancario, ma si compone di diversi attori e protagonisti. Competizione allargata, open banking, API, startup, e roboadvisory. Cosa vuol dire FinTech? Sembra parlare di medioevo, ma fino a pochi anni fa sarebbe stato impossibile immaginare come sarebbe cambiato il rapporto dei consumatori con i servizi che vengono usati quotidianamente. La

Continua a leggere...

Equity crowdfunding

Per l’impresa, è una forma innovativa di accesso al credito. Per l’investitore, un metodo di partecipazione al capitale di rischio imprenditoriale. Quindi, l’equity crowdfunding è l’acquisto di un titolo di partecipazione di una società: l’investitore riceve come corrispettivo del finanziamento una quota del capitale sociale, con gli annessi diritti patrimoniali e/o amministrativi. Situazione in Italia, regolamentazione e il ruolo del portale Nella maggior parte dei Paesi il fenomeno non è soggetto a regolamentazione e si fa riferimento alle normative di già esistenti. Invece, l’Italia è il primo paese europeo ad essersi dotato di una normativa specifica e organica relativa all’equity crowdfunding.

Continua a leggere...

Startup evaluation

Valutare una start up è una scommessa tanto quanto la start up stessa. La start up è un tipo di azienda inadatta ai metodi di valutazione tradizionale. Inoltre, il panorama italiano è sprovvisto di sufficienti pubblicazioni specialistiche che definiscano in maniera univoca il metodo corretto da utilizzare. Per questo motivo, si fa riferimento alle azioni degli investitori nel settore. Le problematiche risiedono in diversi aspetti. L’azienda non ha una serie storica di dati cui fare riferimento nelle valutazioni. Spesso si tratta di un’idea innovativa: il rischio è sempre elevato, i fattori che possono portare al fallimento dell’impresa sono imprevedibili e

Continua a leggere...

Ciclo di vita della startup

Ciclo di vita Entrando nel particolare mondo delle startup, si possono distinguere diverse fasi di vita delle stesse, e i principali momenti in cui essi si dividono sono: creazione dell’idea, validazione, ricerca di finanziamenti, fase di crescita e per concludere con un’exit, o nel caso specifico di startup finanziate da fondi CVC, incorporazione in azienda. Le fasi di vita di una startup possono essere “classificate” nelle seguenti categorie: Bootstrap e Pre-seed Seed Early stage Early growth Growth Lo status particolare attribuito dal governo italiano alle startup dura 5 anni, dopo di che tale status da startup innovativa viene revocato. Infatti,

Continua a leggere...
Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Vuoi parlare con qualcuno?