Settore FinTech

Indice

Key Takeways

1. Le tecnologie digitali sono diventate una sinergia perfetta con la finanza, tant’è che è impossibile non parlare del Fintech.
2. Il termine Fintech nasce dalla contrazione di Finance (Fin) e Technology (Tech), indicando i suoi pilastri principali.
3. Le startup sono il vero è proprio motore di questa rivoluzione digitale
4. La gestione dei risparmi, sta piano piano subendo un radicale cambiamento verso istituti “alternativi”

Il futuro della finanza ha un DNA digital. Lo si può notare analizzando il cambiamento che sta avvenendo nel mondo dei servizi bancari, finanziari e assicurativi. Le tecnologie digitali sono diventate una sinergia perfetta con la finanza, tant’è che è impossibile non parlare del Fintech. Questo è un mondo che non si limita al solo ambito bancario, ma si compone di diversi attori e protagonisti. Competizione allargata, open banking, API, startup, e roboadvisory.

Cosa vuol dire FinTech?

Sembra parlare di medioevo, ma fino a pochi anni fa sarebbe stato impossibile immaginare come sarebbe cambiato il rapporto dei consumatori con i servizi che vengono usati quotidianamente. La rivoluzione digitale ha modificato le abitudini della società nel suo complesso, infatti, oggi risulta difficile pensare di prenotare un ristorante, informarsi riguardo uno spettacolo al cinema o cercare un nuovo appartamento senza “sfruttare” il “potere” di internet attraverso computer o smartphone. L’industria dei servizi finanziari non fa eccezione. 

Il termine Fintech nasce dalla contrazione di Finance (Fin) e Technology (Tech), indicando i suoi pilastri principali. Ad ogni modo non esiste una definizione univoca di questa parola, ma, l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano considera Fintech tutte le innovazioni digitali in ambito finanziario, a prescindere da quale sia l’attore che sviluppa/eroga il prodotto/servizio. Quindi, si può affermare che il Fintech allude sia a un processo di evoluzione in corso nell’industria finanziaria sia a un modo alternativo per usufruire dei servizi finanziari attraverso la comodità del digitale.

Il Fintech in Italia

In questo ecosistema così vasto ed eterogeneo è utile mettere ordine rispondendo alle domande seguenti. Quali sono i servizi Fintech più diffusi in Italia? Quali le tecnologie digitali maggiormente in grado di rivoluzionare il mondo della finanza e delle assicurazioni? Quali le startup Fintech emergenti? E soprattutto, com’è regolato il Fintech in Europa? … e in Italia? Tutte domande che meritano risposta.

Servizi Fintech più diffusi in Italia

Il fenomeno Fintech giunge finalmente in Italia, un Paese storicamente ancorato a importanti pilastri come il risparmio delle famiglie, il credito bancario e la forte predominanza di piccole e medie imprese. Le startup sono il vero è proprio motore di questa rivoluzione digitale. Esse sono aziende innovative che, offrendo servizi nuovi e mirati, svolgono un ruolo centrale nella digitalizzazione del mercato finanziario italiano.

L’ecosistema di aziende e startup Fintech è in costante crescita, le banche e gli altri attori del sistema finanziario hanno sviluppato nuovi canali e servizi digitali, consumatori italiani e PMI mostrano sempre più una maggiore propensione nei confronti del digitale e dei servizi finanziari innovativi. Le startup Fintech italiane (in gran parte Fintech, Insurtech o RegTech) operano nel settore dei servizi bancari (soluzioni di Bank Account, pagamenti, prestiti e finanziamenti, asset management), dei servizi assicurativi e dei servizi tecnologici orientati al mondo finanziario e assicurativo (TechFin). Rientrano in quest’ultima categoria, ad esempio, soluzioni di Cyber Security, software per la Security Analysis o strumenti per la certificazione digitale dell’identità. Altre realtà offrono servizi non finanziari, ma abilitano l’accesso di attori finanziari a dati, clientela, competenze. Le tecnologie più utilizzate dalle startup italiane, sono le API, acronimo di Application Programming Interface seguite da Data Analytics e Artificial Intelligence (in particolar modo in ambito Insurance Services), Blockchain, Distributed Ledger Technologies (DLT) e IoT.

Una domanda a cui sta cercando di rispondere il FinTech è: “A chi affidarsi per la gestione dei propri risparmi?”, domanda che accumuna moltissimi italiani oggi. La maggior parte degli utenti internet del Bel Paese scelgono principalmente le banche e gli operatori postali come “gestore di risparmi”. Tuttavia, nonostante questi due enti siano ad oggi imprescindibili per la quasi totalità delle persone, per quanto riguarda la gestione dei risparmi, si assiste piano piano ai primi segnali di un radicale cambiamento. Infatti, un altro bacino di clientela di cui si sta sempre più occupando il settore FinTech è la galassia dei risparmiatori. Gli italiani si dimostrano un popolo di ferrei risparmiatori e il Covid non ha fatto altro che confermare questo trend. Secondo i dati Banca d’Italia e ABI (Associazione Bancaria Italiana), nel 2020, anno dello scoppio della pandemia, le famiglie italiane hanno messo da parte 126 miliardi di euro (di questi, 85 miliardi sono finiti sui conti correnti bancari), contro i 47,7 miliardi risparmiati nel 2019. In questo quadro di marcata propensione al risparmio, unita a una scarsa cultura finanziaria che limita l’apertura degli italiani alle varie opportunità di investimento offerte dal mercato, la galassia di soluzioni fintech disponibili per i consumatori, dalle app di finanza personale a quelle per i pagamenti fiscali, rappresenta un’ottima occasione per ottimizzare la gestione del risparmio. L’Osservatorio FinTech e Insurtech della School of Management del Politecnico di Milano riporta oltre 20.000 utenti registrati a una piattaforma di Roboadvisory, la consulenza finanziaria digitalizzata, nonché 250.000 utenti di salvadanai digitali, ovvero app dedicate alla finanza personale.

Com'è regolato il Fintech in Europa?... e in Italia?

A partire dalla prima diffusione di fenomeni finanziari innovativi come il crowdfunding o le valute virtuali, tutti i principali regolatori, sia a livello internazionale che nazionale, si sono posti la domanda di quando e come regolare i nuovi servizi e i prodotti generati dall’innovazione tecnologica. Come prevedibile, gli approcci regolamentari adottati sono stati molteplici e differenti, spesso influenzati dalle tradizioni giuridiche e di mercato, ma possono essere raggruppati in tre macro categorie: (i) attendere e studiare il fenomeno per verificare la necessità di intervenire (“wait and see”); (ii) applicare, ove possibile, il quadro regolamentare vigente (“same business, same risks, same rules”); e (iii) introdurre nuove regole atte a cogliere le specificità dei nuovi fenomeni (“new functionality, new rules”).

Secondo l’approccio «wait and see», non sarebbe opportuno intervenire introducendo nuove regole finché il servizio o prodotto finanziario innovativo non sia largamente diffuso e/o non comporti rischi significativi per il sistema finanziario. A dispetto di quanto possa suggerire il nome, tuttavia, non si tratta di un approccio passivo perché implica sempre che le istituzioni competenti monitorino la diffusione del fenomeno e la sua rilevanza sistemica. (se vuoi approfondire clicca qui per scaricare la guida)

Il secondo approccio del regolatore nei confronti del Fintech è genericamente identificato con “quello che ormai è diventato un vero e proprio mantra a livello internazionale”: il principio del “same business, same risks, same rules”. Secondo questo principio, qualora un’attività innovativa abbia la stessa funzione economica e gli stessi rischi di un’attività regolamentata, dovranno applicarsi le stesse regole di quest’ultima a prescindere dalla tecnologia utilizzata. Si tratta probabilmente dell’approccio più diffuso a livello internazionale ed europeo e ha il vantaggio di garantire l’applicazione di condizioni uniformi a nuovi e vecchi operatori, evitando arbitraggi regolamentari sfavorevoli ai soggetti già attivi sul mercato. (se vuoi approfondire clicca qui per scaricare la guida)

 

Il terzo approccio alla regolamentazione del Fintech è il c.d. “new functionality, new rules”. Questa terza soluzione parte dal presupposto che un servizio o prodotto innovativo può comportare sia rischi (o una combinazione di rischi) non adeguatamente presidiati sia opportunità non colte dalla regolamentazione esistente. In questi casi, il regolatore è chiamato a sviluppare regole nuove che valorizzino le caratteristiche innovative del fenomeno e ne impediscano uno sviluppo incontrollato. È importante chiarire che i tre approcci sopra descritti non sono alternativi tra loro e che, di norma, vengono utilizzati in modo complementare o in successione a seconda del grado di evoluzione e rilevanza del fenomeno da disciplinare. (se vuoi approfondire clicca qui per scaricare la guida)

Fintech.. minaccia o opportunità per i risparmiatori?

Proprio questa è l’essenza del Fintech, un processo di evoluzione tecnologica orientato al miglioramento del servizio per l’utente finale. La spinta a offrire servizi sempre migliori è infatti una vera e propria necessità per sia per le aziende che per la pubblica amministrazione perché nell’offerta di servizi si trova lo spazio di mercato nel quale inserirsi e di conseguenza si possono giustificare gli ingenti investimenti in nuove tecnologie.

Spesso si sente dire che l’innovazione tecnologica rappresenta un pericolo, dato che usufruire dei servizi finanziari attraverso la rete diminuirebbe, secondo alcuni, garanzia e sicurezza. Tale preoccupazione non ha tuttavia alcun fondamento: le aziende serie che operano nel settore FinTech devono sottostare alle stesse regolamentazioni degli istituti tradizionali e sono vigilate dalle stesse autorità di garanzia (come, per esempio, Consob e Banca d’Italia). In definitiva, il Fintech non deve essere visto come un segmento alieno e alternativo all’industria finanziaria tradizionale, si tratta invece dell’evoluzione di quest’ultima, una risposta alle rinnovate necessità dei risparmiatori che spesso hanno anche necessità di consigli più liberi e indipendenti.

Indice

Antonio Bellanca

IoT Project Manager @BIP; Research paper --> Digital Transformation of a traditional business through Corporate Venture Capital: Reale Mutua Corporate Venturing; Research in Management of Innovation at SKEMA BUSINESS SCHOOL, Nice - Sophia Antipolis.
Condividi questo articolo
LinkedIn
Articoli simili

Buy Now Pay Later (BNPL)

Buy Now Pay Later (BNPL), sta rivoluzionando l’esperienza di acquisto e di vendita per milioni di persone nel mondo. Come impatto viene considerata alla stregua delle carte di credito negli anni ‘70 e sta permettendo una democratizzazione dell’accesso al credito come mai prima d’ora. Questo sistema di pagamento permette al consumatore di dividere il pagamento del carrello in 3-4 pagamenti mensili senza interessi, creando una situazione win-win con il venditore che può intercettare opportunità di vendita, accrescendo l’importo del checkout. Al tempo stesso il cliente riuscirebbe a soddisfare bisogni che senza questa modalità di pagamento non sarebbero fattibili. Secondo un

Continua a leggere...

Digital Wealth Management

Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di gestione individuale del risparmio, il c.d. Wealth Management. Ma cosa succede quando il Wealth Management incontra l’industria Fintech?  Cosa si intende con il termine “Digital Wealth Management”? Facendo qualche passo indietro, con Wealth Management si indicano tutti i servizi professionali di gestione del patrimonio dedicati a clienti con un determinato patrimonio finanziario, definiti High net worth individuals (HNWI). Il Wealth Management nell’era del FinTech L’industria del Wealth Management, il mercato più “human intensive” per definizione, sta attraversando una fase di grandi e profondi cambiamenti che impongono a tutti gli operatori un ripensamento

Continua a leggere...

Settore FinTech

Il futuro della finanza ha un DNA digital. Lo si può notare analizzando il cambiamento che sta avvenendo nel mondo dei servizi bancari, finanziari e assicurativi. Le tecnologie digitali sono diventate una sinergia perfetta con la finanza, tant’è che è impossibile non parlare del Fintech. Questo è un mondo che non si limita al solo ambito bancario, ma si compone di diversi attori e protagonisti. Competizione allargata, open banking, API, startup, e roboadvisory. Cosa vuol dire FinTech? Sembra parlare di medioevo, ma fino a pochi anni fa sarebbe stato impossibile immaginare come sarebbe cambiato il rapporto dei consumatori con i servizi che vengono usati quotidianamente. La

Continua a leggere...

Equity crowdfunding

Per l’impresa, è una forma innovativa di accesso al credito. Per l’investitore, un metodo di partecipazione al capitale di rischio imprenditoriale. Quindi, l’equity crowdfunding è l’acquisto di un titolo di partecipazione di una società: l’investitore riceve come corrispettivo del finanziamento una quota del capitale sociale, con gli annessi diritti patrimoniali e/o amministrativi. Situazione in Italia, regolamentazione e il ruolo del portale Nella maggior parte dei Paesi il fenomeno non è soggetto a regolamentazione e si fa riferimento alle normative di già esistenti. Invece, l’Italia è il primo paese europeo ad essersi dotato di una normativa specifica e organica relativa all’equity crowdfunding.

Continua a leggere...

Startup evaluation

Valutare una start up è una scommessa tanto quanto la start up stessa. La start up è un tipo di azienda inadatta ai metodi di valutazione tradizionale. Inoltre, il panorama italiano è sprovvisto di sufficienti pubblicazioni specialistiche che definiscano in maniera univoca il metodo corretto da utilizzare. Per questo motivo, si fa riferimento alle azioni degli investitori nel settore. Le problematiche risiedono in diversi aspetti. L’azienda non ha una serie storica di dati cui fare riferimento nelle valutazioni. Spesso si tratta di un’idea innovativa: il rischio è sempre elevato, i fattori che possono portare al fallimento dell’impresa sono imprevedibili e

Continua a leggere...

Ciclo di vita della startup

Ciclo di vita Entrando nel particolare mondo delle startup, si possono distinguere diverse fasi di vita delle stesse, e i principali momenti in cui essi si dividono sono: creazione dell’idea, validazione, ricerca di finanziamenti, fase di crescita e per concludere con un’exit, o nel caso specifico di startup finanziate da fondi CVC, incorporazione in azienda. Le fasi di vita di una startup possono essere “classificate” nelle seguenti categorie: Bootstrap e Pre-seed Seed Early stage Early growth Growth Lo status particolare attribuito dal governo italiano alle startup dura 5 anni, dopo di che tale status da startup innovativa viene revocato. Infatti,

Continua a leggere...
Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Vuoi parlare con qualcuno?