Cos’è una cryptovaluta e come funziona

Indice

Key Takeways

Sentiamo spesso parlare di cryptovalute, bitcoin, ethereum, blockchain e tante altre parole legate al mondo della tecno-finanza, ma sappiamo bene cosa significano?

In questo articolo vedremo cos’è una cryptovaluta, come funziona e quali sono le cryptovalute più importanti e diffuse nel 2021.

Cos'è una cryptovaluta

Una cryptovaluta è uno strumento digitale impiegato per effettuare acquisti e vendite attraverso la cryptografia, al fine di rendere sicure le transazioni, verificarle e controllare la creazione di nuova moneta virtuale.

Questa definizione è puramente linguistica, ma cosa ci dice dal punto di vista tecnico?

Scopriamolo analizzando la prima prima cryptovaluta mai creata e la più importante, il Bitcoin.

Bitcoin deve la sua nascita a un movimento, il cypherpunk, che ha l’obiettivo di usare la crypografia per riottenere la privacy che ci è stata tolta.

Bitcoin nasce quindi per essere anonimo e decentralizzato, senza dare la possibilità a nessuno di tracciare ogni proprio movimento. La rete non è creata e gestita da un soggetto centrale come nel caso delle monete “tradizionali”, le c.d. FIAT (euro, dollaro etc.) che sono emesse da un singolo soggetto, la Banca Centrale.

Bitcoin si basa su una rete Peer-to-Peer, da pari a pari, in cui non ci sono né soggetto centrale né una gerarchia,  ma sono tutti allo stesso livello. La vera rivoluzione delle cryptovalute è proprio questa: non essere controllata da Stato o banche, ma semplicemente da un protocollo informatico pubblico e open-source.

Cos'è la cryptografia

Bitcoin è basato sulla cryptografia, ma che significa?

Facciamo una premessa: esistono due tipi di cryptografia, quella simmetrica e asimmetrica.

Molti conoscono solo la prima, quella che serve a prendere un testo, cifrarlo, e renderlo incomprensibile  a meno che non si abbia una password. Questo tipo di cryptografia non è quella usata nelle monete virtuali.

La cryptografia asimmetrica, invece, non serve a cifrare i testi, ma a firmare digitalmente una transazione. Quando si vuole inviare dei token (informazioni digitali) a qualcun altro bisogna firmare la transazione per autorizzarla. Perciò la cryptografia è solamente uno strumento per raggiungere un fine (inviare dei token) in modo facile, veloce e sicuro.

Come dicevamo prima la vera caratteristica delle cryptovalute non è la cryptografia, ma la decentralizzazione. Non sono né emesse, né gestite, né convalidate, né censurate da un singolo soggetto (Stato o Banca Centrale), ma da una rete peer to peer, una rete di pari a pari.

Il Bitcoin

Le caratteristiche del Bitcoin sono:

  1. Decentralizzazione
  2. Politica monetaria fissa e immutabile, ovvero nessuno può emettere più bitcoin di quanto siano stati previsti (21 mln)
  3. Protocollo informatico peer to peer
  4. Natura deflattiva (le valute FIAT vengono deflazionate circa del 2% all’anno) – bitcoin è stato progettato per acquisire valore nel tempo
  5. Valore molto volatile, determinato dal prezzo in cui avvengono gli scambi sul mercato libero.

Per utilizzare questa cryptovaluta hai bisogno di avere un wallet, che si può installare su smartphone, computer, o tablet e che consente di:

  1. Ricevere bitcoin
  2. Conservarli
  3. Inviarli (effettuare pagamenti)

Un wallet è un programma informatico che permette di accedere e gestire i propri bitcoin sulla blockchain. Se non si ha un wallet non si può avere bitcoin.

I wallet sono anonimi: significa che quando si installa l’app per gestire il wallet, non bisogna inserire il proprio nome e cognome, ma solo un codice identificativo.

Tutte le operazioni saranno pubblicate sulla blockchain: non ci sarà il tuo nome e cognome ma semplicemente il tuo codice.

È importante ricordare che il Bitcoin non ha un unico prezzo, che cambia da piattaforma a piattaforma.

Il prezzo che risulta è relativo all’ultima transazione Bitcoin-dollaro effettuata su quella determinata piattaforma. Quando cerchiamo Bitcoin e troviamo un unico prezzo è perché è una media di coin market cap, rappresentativa di tutti gli exchange.

Esistono 3 ragioni principali per comprare Bitcoin:

  1. Speculativa – se ritenete che il valore possa aumentare, potrebbe essere interessante comprarlo e rivenderlo in futuro.
  2. Natura deflattiva – le valute FIAT perdono valore nel corso del tempo, circa del 2% l’anno. Bitcoin accumula valore nel tempo, incrementando il proprio prezzo.
  3. Libertà finanziaria, ovvero la libertà di effettuare transazioni all’estero. Ci sono paesi in cui non si possono fare transazioni a causa di limitazioni locali. Le cryptovalute invece si possono usare ovunque.

Indice

Condividi questo articolo
LinkedIn
Articoli simili

Buy Now Pay Later (BNPL)

Buy Now Pay Later (BNPL), sta rivoluzionando l’esperienza di acquisto e di vendita per milioni di persone nel mondo. Come impatto viene considerata alla stregua delle carte di credito negli anni ‘70 e sta permettendo una democratizzazione dell’accesso al credito come mai prima d’ora. Questo sistema di pagamento permette al consumatore di dividere il pagamento del carrello in 3-4 pagamenti mensili senza interessi, creando una situazione win-win con il venditore che può intercettare opportunità di vendita, accrescendo l’importo del checkout. Al tempo stesso il cliente riuscirebbe a soddisfare bisogni che senza questa modalità di pagamento non sarebbero fattibili. Secondo un

Continua a leggere...

Digital Wealth Management

Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di gestione individuale del risparmio, il c.d. Wealth Management. Ma cosa succede quando il Wealth Management incontra l’industria Fintech?  Cosa si intende con il termine “Digital Wealth Management”? Facendo qualche passo indietro, con Wealth Management si indicano tutti i servizi professionali di gestione del patrimonio dedicati a clienti con un determinato patrimonio finanziario, definiti High net worth individuals (HNWI). Il Wealth Management nell’era del FinTech L’industria del Wealth Management, il mercato più “human intensive” per definizione, sta attraversando una fase di grandi e profondi cambiamenti che impongono a tutti gli operatori un ripensamento

Continua a leggere...

Settore FinTech

Il futuro della finanza ha un DNA digital. Lo si può notare analizzando il cambiamento che sta avvenendo nel mondo dei servizi bancari, finanziari e assicurativi. Le tecnologie digitali sono diventate una sinergia perfetta con la finanza, tant’è che è impossibile non parlare del Fintech. Questo è un mondo che non si limita al solo ambito bancario, ma si compone di diversi attori e protagonisti. Competizione allargata, open banking, API, startup, e roboadvisory. Cosa vuol dire FinTech? Sembra parlare di medioevo, ma fino a pochi anni fa sarebbe stato impossibile immaginare come sarebbe cambiato il rapporto dei consumatori con i servizi che vengono usati quotidianamente. La

Continua a leggere...

Equity crowdfunding

Per l’impresa, è una forma innovativa di accesso al credito. Per l’investitore, un metodo di partecipazione al capitale di rischio imprenditoriale. Quindi, l’equity crowdfunding è l’acquisto di un titolo di partecipazione di una società: l’investitore riceve come corrispettivo del finanziamento una quota del capitale sociale, con gli annessi diritti patrimoniali e/o amministrativi. Situazione in Italia, regolamentazione e il ruolo del portale Nella maggior parte dei Paesi il fenomeno non è soggetto a regolamentazione e si fa riferimento alle normative di già esistenti. Invece, l’Italia è il primo paese europeo ad essersi dotato di una normativa specifica e organica relativa all’equity crowdfunding.

Continua a leggere...

Startup evaluation

Valutare una start up è una scommessa tanto quanto la start up stessa. La start up è un tipo di azienda inadatta ai metodi di valutazione tradizionale. Inoltre, il panorama italiano è sprovvisto di sufficienti pubblicazioni specialistiche che definiscano in maniera univoca il metodo corretto da utilizzare. Per questo motivo, si fa riferimento alle azioni degli investitori nel settore. Le problematiche risiedono in diversi aspetti. L’azienda non ha una serie storica di dati cui fare riferimento nelle valutazioni. Spesso si tratta di un’idea innovativa: il rischio è sempre elevato, i fattori che possono portare al fallimento dell’impresa sono imprevedibili e

Continua a leggere...

Ciclo di vita della startup

Ciclo di vita Entrando nel particolare mondo delle startup, si possono distinguere diverse fasi di vita delle stesse, e i principali momenti in cui essi si dividono sono: creazione dell’idea, validazione, ricerca di finanziamenti, fase di crescita e per concludere con un’exit, o nel caso specifico di startup finanziate da fondi CVC, incorporazione in azienda. Le fasi di vita di una startup possono essere “classificate” nelle seguenti categorie: Bootstrap e Pre-seed Seed Early stage Early growth Growth Lo status particolare attribuito dal governo italiano alle startup dura 5 anni, dopo di che tale status da startup innovativa viene revocato. Infatti,

Continua a leggere...
Apri chat
Hai bisogno di aiuto?
Vuoi parlare con qualcuno?